Grandi pittori sul grande schermo: il biopic e la storia dell’arte

 

Il racconto cinematografico delle vite dei più grandi pittori può essere considerato quasi un genere a sé. Da Brama di vivere al recentissimo Van Gogh di Schnabel, un breve percorso fatto di storie di straordinari artisti sul grande schermo.

L’uscita di Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità (a partire dal 3 gennaio nei cinema italiani), fa cogliere l’occasione per ricordare alcuni dei film dedicati alle vite di grandi nomi della storia dell’arte. Una breve carrellata sui più belli e memorabili di sempre.

Brama di vivere (1956)

Basato sull’omonimo romanzo di Irving Stone, è il racconto della vita di Van Gogh attraverso gli occhi del maestro Vincente Minnelli. Con due interpretazioni straordinarie da parte di Kirk Douglas (Van Gogh) e Anthony Quinn (Gauguin).

Andrej Rublëv (1966)

Scritto e diretto da Andrej Tarkovskij, Andrej Rublëv è uno dei capolavori assoluti dell’intera storia del cinema. La vita del grande pittore di icone si intreccia alle vicende storiche del Quattrocento russo, in un film che contiene tutta la forza vitale della grande arte.

Caravaggio (1986)

Un viaggio suggestivo, e a tratti visionariamente astratto, nella vita di Michelangelo Merisi in arte Caravaggio. Con la solita regia provocatoria e caustica tipica di Derek Jarman.

Basquiat (1996)

Diretto da Julian Schnabel e basato sulla vita dell’artista Jean-Michel Basquiat, morto per overdose di eroina nel 1988, mette in relazione la sua arte con l’uso smodato di droghe che caratterizzò buona parte della sua esistenza, astraendo il personaggio e rendendolo a tratti quasi una presenza fantasmatica.

Pollock (2000)

Opera prima come regista per Ed Harris (che ne è anche il protagonista), è un film che racconta un Pollock rude, vitale e tormentato. Con una bravissima Marcia Gay Harden (vincitrice di un Oscar come miglior attrice non protagonista) nel ruolo di Lee Krasner.

Klimt (2006)

Freddissimo (quasi glaciale) ritratto del grande pittore austriaco (interpretato da un diabolico John Malkovich) da parte del cileno Raúl Ruiz. Forse con qualche vuoto sul piano narrativo, ma di sicuro incredibilmente suggestivo su quello visivo.

Turner (2014)

Gli ultimi 25 anni di vita dello stravagante pittore inglese William Turner sono messi in scena dall’esperto Mike Leigh, che realizza un film dove a risaltare sopra ogni cosa è la peculiare passione del maestro londinese per i paesaggi e la “forma” della luce.

Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità (2018)

L’ultimo capolavoro di Julian Schnabel sceglie di immedesimarsi in tutto e per tutto nell’esistenza a tratti travagliata del grande maestro olandese. Attraverso l’incredibile performance di Willem Dafoe, il film cerca infatti di far percepire – attraverso l’uso di molte soggettive e momenti estatici – le stesse sensazioni del suo protagonista, in un’esperienza per lo spettatore di grande spessore sinestesico.

Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità sarà distribuito nelle sale italiane a partire dal prossimo 3 gennaio.

2018-12-27T08:09:02+00:00
AL CINEMA
AL CINEMA